standard-title Il ciclo mestruale John fu colpito dall'affermazione secondo la quale, quando la donna è fertile, la cervice produce una secrezione molto particolare; decise di approfondire la cosa: chiese alle donne che affluivano al Centro di padre Catarinich se avessero mai notato, nell'intervallo fra due mestruazioni, delle perdite di muco.

Il ciclo mestruale

John fu colpito dall'affermazione secondo la quale, quando la donna è fertile, la cervice produce una secrezione molto particolare; decise di approfondire la cosa: chiese alle donne che affluivano al Centro di padre Catarinich se avessero mai notato, nell'intervallo fra due mestruazioni, delle perdite di muco.

Il ciclo mestruale

Quando una donna dice di “avere il ciclo” intende solitamente dire che ha le mestruazioni, ma le mestruazioni non sono che uno degli eventi del ciclo femminile, sicuramente il più appariscente, ma forse il meno interessante. Di fatto le mestruazioni rappresentano il “piccolo finale” del ciclo in cui non si è sviluppata una gravidanza, mentre il “gran finale” sarebbe la nascita. Infatti il ciclo avrebbe come unico scopo la maternità, mentre le mestruazioni corrispondono ad un “progetto mancato”. Per convenzione si considera l’inizio delle mestruazioni come l’inizio del ciclo mestruale.

Tutto inizia quando dall’ipofisi, una ghiandola posta alla base del cervello, a sua volta stimolata da un’altra ghiandola chiamata ipotalamo, vengono immessi nel sangue dei messaggi ormonali (FSH: ormone follicolo stimolante ). Questi ormoni cominciano a stimolare l’ovaio affinché porti a maturazione un ovulo (raramente due o più). L’ovaio risponde producendo altri messaggi ormonali (Estrogeni) che hanno effetto sull’endometrio, la mucosa interna dell’utero, la quale cresce in spessore (fase proliferativa). 
Quando la cellula ovulo è matura un nuovo messaggio ormonale (LH: ormone luteinizzante) fa scoppiare il follicolo che conteneva l’ovulo e quest’ultimo viene dunque liberato dall’ovaio. È il momento magico dell’ovulazione. L’ovulo inizia dunque il suo viaggio nell’obiettivo di incontrare uno spermatozoo . Viaggio brevissimo perché la sua vita è limitata ad un massimo di 24 ore!
Il follicolo scoppiato produce l’ormone progesterone che sostiene ulteriormente la mucosa dell’utero, arricchendola di vasi sanguigni e rendendola più spessa, costruendo così “un nido” per accogliere il bambino (fase secretiva). Il progesterone provoca inoltre un leggero rialzo della temperatura.
Se il concepimento è avvenuto, dopo circa una settimana,  il bambino va ad annidarsi nell’utero che gli consentirà di svilupparsi e crescere per nove mesi. Quando ciò non avviene, dopo 11-16 giorni dall’ovulazione (in media 14) la mucosa  inutilizzata si falda e si perde attraverso le mestruazioni. A volte alle mestruazioni segue una fase di riposo in cui non succede nulla di evidente prima di ripartire con la maturazione di un altro ovulo, quindi con una nuova mucosa e infine con altre mestruazioni.
La lunghezza del ciclo mestruale può variare e dipende dal prolungarsi o accorciarsi della fase di riposo e della maturazione dell’ovulo. L’ultima fase invece è di lunghezza di norma costante.